• Un Progetto per potersi abbandonare alla Vita

    Per crescere insieme
    Read More
  • Un Progetto per riprendersi la responabilità della propria vita

    Per giocare e sorridere alla Vita con gioia
    Read More
  • Un Progetto perchè sei unico

    Per poter sempre ringraziare la Vita per le opportunità che ci offre
    Read More
  • Un Progetto per non sentirsi soli

    Per accogliere, crescere, imparare e sognare
    Read More
  • Un Progetto per la Vita

    Un Centro di condivisione della vita in Porcia
    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

DAI UN'OCCHIATA AI NOSTRI SERVIZI


I nostri servizi vengono prestati dalla nostra squadra grazie ad anni di esperienza e condivisione.

Approccio manuale

Per dar il giusto peso alla componente fisica della nostra vita..

Approccio energetico

Credere per vedere o vedere per credere..... questo è il dilemma!

Approccio sistemico spirituale

Per trovare l'amore per sè stessi e migliorare la promessa per una vita realizzata.

.... e molto altro ancora

Vieni a trovarci e magari, perchè no, ad offrirci il tuo contributo.

INCONTRA LA TUA SQUADRA


Le idee innovative della nostra squadra colma di passione ci rendono unici in ogni senso.

ALCUNI DEI NOSTRI AMICI


Banner Salute       AEteres250        Nexus logo

JoomBall - Cookies

Dott. med. Mag. teol. Ryke Geerd HAMER
Sandkollveien 11 N – 3239 Sandefjord 18. Oktober 2008
Al Comitato per il Nobel, Stoccolma
Oggetto:
Assegnazione del premio per la scoperta di un (inesistente) virus dell’AIDS a Luc Montagnier e a Francois Barrè-Sinoussi e per la scoperta di un (inesistente) virus nell’ulcera del collo dell’utero.

Egregi signore e signori della giuria, sanno veramente che cosa hanno deciso? Credo quasi di no, perché hanno assegnato un premio Nobel per “i vestiti nuovi dell’imperatore” che non esistono.
Nell’enciclopedia Meyer del 1908 si trova sotto la voce virus: (lat.) particolare veleno di una malattia.
Di più allora non si sapeva ancora. Anche oggi non è cambiato niente in merito, perché non è stato mai visto finora nessun virus nè replicazione. Anche l’ipotesi che i (non ancora osservati) virus causino una “malattia” è sbagliata perché essi possono - secondo la, scientificamente provata, Nuova Medicina Germanica – al massimo essere di ausilio nella fase di guarigione.
Per essere rigorosi si dovrebbe dire: ipotetici virus nella fase-pcl, cioè di guarigione e in questo caso essi sarebbero esclusivamente puri lavoratori di restauro o riparazione e lavorerebbero su tessuti dell’ectoderma ed esclusivamente su epitelio pavimentoso piatto e mucose del foglietto embrionale esterno aiutando la ricostruzione tramite forte rigonfiamento delle ulcere della pelle, della mucosa e delle perdite ulcerose di sostanze cellulari degli organi diretti dalla corteccia cerebrale esterna.
Di conseguenza nessuno ha mai visto un virus dell’AIDS, meno che mai ne ha portato la prova, come si richiederebbe per l’esistenza di un virus.
Bisogna immaginarsi un virus come agente patologico nella fase di attività conflittuale nell’ ectoderma (pelle) o mesoderma (linfonodi, ossa). Ma entrambe le cose non esistono secondo la Nuova Medicina Germanica. E se si presentassero nella fase-pcl (=risoluzione) allora non causerebbero la malattia. Ma non ci sono in nessuna delle 2 fasi. Semplicemente non ci sono.
Nessuno ha mai osservato una sintomatologia obbligatoria dopo la cosiddetta infezione da HIV, come è consuetudine nel morbillo o nella rosolia. I virus del HIV stesso non vengono mai trovati nei pazienti dell’AIDS. Siccome non c’è una sintomatologia propria dell’AIDS vengono spalancate le porte e le finestre all’arbitrio medico-diagnostico.
Per questo ho scritto già nella 1°edizione del mio libro „Testamento per una nuova medicina“ – e per primo – che l’AIDS è la più grande truffa del secolo.

Ma che cos’è una reazione-HIV?
Nel frattempo ho già raccolto dai 50 ai 100 casi che dimostrano che l’HIV è solo una reazione – che chiamiamo binario. Quando un paziente patisce un DHS (= una esperienza conflittuale shock), che ha a che fare con lo smegma maschile (per esempio un uomo sorprende la moglie o l’amico in flagrante con l’amante, il cui smegma viene percepito in maniera penetrante) allora il paziente ha un binario dello smegma. Ad ogni occasione di recidiva conflittuale o all’odore dello smegma ricade nel binario e il marcatore HIV (titolo) aumenta.
Questa è la metà del segreto del HIV.
L’altra metà è naturalmente che i circoncisi non producono nessuno smegma e quindi, finchè hanno rapporti esclusivamente tra di loro non possono diventare sieropositivi. Questo fatto può essere usato ovviamente anche come “arma religiosa” contro i non circoncisi.
La stessa cosa che è valida per l’inesistente, fantomatico, virus dell’AIDS vale anche per l’inesistente virus del collo dell’utero. Nessuno è mai stato in grado di dimostrarlo. Ed è assolutamente insensato secondo la, scientificamente dimostrata, Nuova Medicina Germanica voler ipotizzare questi non esistenti virus del papilloma (= fase di guarigione dell’ulcera al collo dell’utero) proprio nella fase-pcl (= post-conflitto-lisi).
L’assegnazione del premio è quindi – non si può definirlo altrimenti – un gesto di favore e complicità con la farmaceutica e certi ambienti religiosi. Si può anche dire semplicemente: un grande imbroglio. Anzi peggio; siccome questo imbroglio costa la vita di molte, moltissime vite umane, si può anche dire che è un “concorso allo sterminio di massa di una associazione criminale”, e ci si può solo distanziare racappricciati da un tale comitato per il Nobel.
Nel merito Montagnier già nel 1985 a Barcellona ha dichiarato di non aver mai visto un virus dell’AIDS. Adesso questo uomo senza carattere si lascia assegnare perfino il Nobel per “I vestiti nuovi dell’imperatore”, ben sapendo quanto sia crudele questo imbroglio.
Dott. med. Ryke Geerd Hamer
http://www.germanische-heilkunde.at/ http://universitatsandefjord.com/index.php

Stampa Email


CHI SIAMO! GLI AMICI DEL PICCOLO PRINCIPE

Bellezza - Diversità - Delicatezza - Responsabilità

Se la nostra società ci dice di fare in un certo modo ed in più se anche la maggior parte delle persone si comporta esattamente così, spesso non ci poniamo nemmeno il problema se la cosa sia giusta o no e quindi facciamo esattamente quello che ci dicono. E' come se dessimo per scontato che sia esattamente così come ce la presentano. Ma così facendo, quando ci affidiamo alla democratica maggioranza, non stiamo realmente scegliendo e per questo motivo perdiamo un pò della nostra autonomia e della nostra libertà......ogni giorno.Per questa ragione proponiamo certe informazioni che non sono di facile reperibilità attraverso i media ufficiali. Tutto questo perché, per ritrovare una certa libertà, che ancora una volta rischiamo di smarrire, c'è bisogno che ognuno di noi faccia personalmente qualcosa di nuovo ed efficace in merito a questo: noi ci stiamo provando così, con semplicità, umiltà e amore della condivisione. Gli Amici del Piccolo Principe propongono seminari, serate e incontri per la crescita personale con l'intento di riassumerci l'intera responsabilità della propria vita e quindi di riappropiarsi della libertà. Chiunque fosse interessato a promuovere queste iniziative informative può contattarci e sarà il benvenuto.
 
Di cosa parliamo e cosa condividiamo:
- La malattia: un dono della Vita al servizio della vita
- Vaccinare, perchè
- Donazioni di organo, un gesto d'amore?
- Vedere per credere o credere per vedere?
- Conoscere il Brain Gym
...... e altro ancora!

AMICI DEL PICCOLO PRINCIPE

Caratteristiche associative


  • Organizzazione seminari
  • Serietà
  • Amicizia
  • Condivisione
  • Organizzazione serate a tema
  • Professionalità
  • Tutto è perfetto così
  • Gioiosità
  • Tutto è possibile
  • Serietà
  • Risate
  • Capacità di-vinatorie

COSA DICONO I PARTECIPANTI


  • Credo che non sia facile passare certe informazioni quindi vi ringrazio per questa opportunità.
    -- Ornella --
  • Amici sì, ma non troppo, perchè tutto è bene quel che finisce bene.
    -- Paola --

Cosa dire di noi

Chi sono gli amici del Piccolo Principe è presto detto: “Oggi più che mai la nostra cultura ci porta continuamente a delegare le nostre scelte per quanto riguarda la nostra salute.......per questo evento c'è il medico. E così anche per la parte spirituale......c'è il prete, e la parte economica......c'è il commercialista e così via. Facciamo sempre più fatica a scegliere per la nostra vita o peggio ancora crediamo di scegliere quando invece non abbiamo sufficienti informazioni per poterlo fare.


AMICIDELPICCOLOPRINCIPE.COM

via Firenze, 33080 Porcia PN - Italia

+39 0422-85.02.03

+39 348-51.61.396

   amicidelpiccoloprincipe@gmail.com


Prego, sentitevi liberi di contattarci!

Come trovarci?